Il “nero” della iFi

A Londra, lo scorso 2 novembre, la iFi ha presentato la sua nuovissima Black Label, una serie che esalta la portabilità e incrementa le prestazioni dei piccoli dispositivi inglesi.

iFi Nano Black Label è compatibile via OTG sia con smartphone Android che con Apple iPhone.

Black Label è una linea tutta nuova. È differente dall’attuale line-up di prodotti iFi per una semplice ragione: è portatile. Portatilità significa, naturalmente, dispositivi dotati di batterie che li rendono autonomi e lasciano intendere che l’uso principale a cui sono destinati è quello dell’ascolto in cuffia. Ecco perché i Black Label sono stati dotati di un amplificatore per cuffia non solo qualitativamente elevato, grazie al suo progetto completamente bilanciato, ma anche estremamente versatile, essendo in grado di pilotare un ampio range di cuffie, da 2 a 600 ohm di impedenza e con una potenza erogata in grado di gestire anche le cuffie meno sensibili.

Un momento dell’affollata presentazione della nuova linea Black Label, accanto ad alcuni dei prodotti di punta delle altre serie iFi.

Black Label è un’intera linea di prodotti che affiancano quelli già presenti nel catalogo iFi. La loro più recente progettazione e l’impiego degli ultimi chip della Burr Brown ha fatto sì che potessero essere incrementati i formati che questi dispositivi sono in grado di riprodurre, giungendo così a formati “estremi”, 32 bit/384 kHz per i PCM, 256x per i DSD, con tanto di certificazione ufficiale “Hi Res Audio”.

L’uso principe dei nuovi iFi Black Label è in accoppiata con un DAP, in modo da poter sfruttare al massimo la qualità delle novità introdotte, sebbene molti DAP offrano convertitori e ampli per cuffie di già ottime prestazioni. Il vero e proprio salto di qualità lo si ha, tuttavia, quando i nuovi Black Label vengono usati in accoppiata con gli smartphone. È qui che la differenza diventa sostanziale e ci si può avvantaggiare anche della capacità dei nuovi iFi di riprodurre lo streaming audio codificato MQA, con cui è compatibile.

La nuova linea Black Label è pensata per l’uso in mobilità. Dotata di batterie, prevede un’uscita per cuffia versatilissima ed in grado di pilotare anche cuffie “difficili”.

Nella linea Black Label sono presenti dispositivi “Micro” e i minuscoli “Nano”, che conservano forma e dimensioni del telaio delle rispettive serie, tra cui spicca l’interessante Nano iDSD, dalle dimensioni estremamente contenute.
Rocco Patriarca

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *