LG 55UH770V

Come entrare nell’Ultra HD dalla porta principale

La serie 770V di LG Electronics ha delle ottime caratteristiche tecniche, che permettono di sfruttare al meglio le immagini in Ultra HD HDR: il pannello 4K IPS Quantum Display con local dimming e True Black ha una resa cromatica molto naturale grazie ai sofisticati algoritmi software sviluppati dalla Casa. In più, l’ingresso per la parabola permette di vedere, aggiungendo la CAM e la smart card Tivùsat Gold, le prime trasmissioni sperimentali in 4K di Mamma RAI.

apertura_FDS2586

La gamma di TV LED di LG per il 2016 si contraddistingue per le diverse innovazioni apportate dall’aggiornamento dell’hardware e di numerosi algoritmi che permettono di ottenere immagini di maggiore qualità rispetto al passato. Il modello sotto esame è l’UH770 da 55″: ha il pannello IPS 4K Quantum Display con local dimming e True Black, che impiega delle pellicole per ridurre gli effetti dei riflessi sullo schermo, il 3D Color Mapping per minimizzare le distorsioni dei colori, il Wide Color Gamut Mapping per esprimere l’ampiezza dello spazio colore BT.2020 propria dell’HDR, l’algoritmo Ultra Luminance che si serve del local dimming migliorando la resa alle basse luci delle zone scure.

Restando in tema HDR, per seguire al meglio le evoluzioni tecnologiche, LG ha adottato sia lo standard aperto HDR-10, certificato dalla Ultra HD Alliance e che prevede la riproduzione di contenuti da qualsiasi dispositivo HDR, sia il Dolby Vision, che è l’insieme di specifiche per l’HDR premium definite da Dolby, nel quale è previsto che le informazioni HDR siano inserite in un flusso Full HD aggiuntivo sovrapposto al segnale 4K, con la possibilità di gestire master a 12 bit e luminosità di picco (almeno per ora i display sono molto lontani) fino a 10.000 nits.

Tanto per fare un esempio, la serie “Marco Polo” di Netflix è stata codificata in entrambi i formati. Una cosa non c’è, ma probabilmente non se ne sentirà la mancanza: in questa serie “entry level” è assente il supporto al 3D, che invece è previsto per le serie UH850V e UH950V, in versione passiva come da prassi LG. Per la sua Smart TV, la Casa coreana ha scelto webOS, la piattaforma ceduta da HP all’inizio del 2013, che a sua volta l’aveva acquisita da Palm.

webOS si basa sul sistema operativo open source Linux e, tra l’altro, LG la utilizza anche per i suoi dispositivi indossabili, l’Urbane Watch nella fattispecie. Oltre a DLNA, il TV implementa Miracast e Intel WiDi per il mirroring dello schermo del dispositivo mobile. Quanto alle caratteristiche fisiche dell’apparecchio, il frontale del TV è molto pulito, le cornici metalliche sono estremamente sottili e lo stand ad arco gli dona un aspetto raffinato. Nella parte bassa, in corrispondenza del marchio LG, si trova un cursore gommato al tatto per accendere, spegnere e gestire le funzioni principali della macchina.

connessioni_FDS2588

Nel retro del televisore, sulla sinistra è visibile l’ingresso per l’alimentazione; in un pannello sulla destra c’è l’uscita audio digitale Toslink, la porta Ethernet (il TV è dotato anche di connettività Wi-Fi a/b/g/n/ac Dual Band e Bluetooth), l’ingresso per l’adattatore videocomposito+audio, l’ingresso per l’adattatore component+audio, la presa per il satellite e la presa per il cavo d’antenna. Accanto, disposti perpendicolarmente al frontale, si trovano lo slot Common Interface CI+ 1.3, la porta USB principale in formato 3.0, le tre prese HDMI 2.0a delle quali la 2 è compatibile ARC, e altre due porte USB 2.0. Particolare importante, lo slot Common Interface è utilizzabile non soltanto per le pay TV del digitale terrestre, ma anche con il segnale satellitare e quindi la CAM e la scheda Tivùsat (il TV è tra quelli certificati TivùOn! e Tivùsat).

Questa permette di vedere in HD gran parte dei canali RAI e, visto che da pochissimi giorni è stato attivato anche il canale sperimentale RAI 4K, trasmesso in DVB-S2 con risoluzione Ultra HD, formato HEVC 10 bit @50fps ed un bitrate intorno ai 25 Mbps, potrebbe essere un’ottima occasione per apprezzare meglio la risoluzione Ultra HD: tra la fine di giugno e il 10 luglio è prevista la trasmissione in diretta di ben sette incontri di Euro 2016.

Nella confezione, assieme al telecomando Magic Remote, che può essere utilizzato per migliorare l’audio del TV con la Digital Room Correction grazie al microfono integrato, c’è una coppia di batterie, la guida rapida, i cavetti adattatori per videocomposito e component, e la base ad arco. In ogni caso, è possibile installare l’apparecchio a parete impiegando delle staffe VESA 300×300. Per quanto riguarda l’audio, sono stati implementati nel bordo inferiore del TV dei driver con emissione verso il basso, per una potenza totale di 20 W e resa migliorata da Harman Kardon.

 

Il Magic Remote è molto più di un telecomando: si utilizza come un mouse e contiene pure un microfono utilizzabile per migliorare la risposta dell'audio del TV.

Il Magic Remote è molto più di un telecomando: si utilizza come un mouse e contiene pure un microfono utilizzabile per migliorare la risposta dell’audio del TV.

La prova – La naturalezza dei colori dell’HDR Premium

L’apparecchio è molto elegante, grazie alle cornici sottilissime non si direbbe che la diagonale è di 55 pollici. La base ad arco, per come è innestata sembra lasciare il TV sospeso nell’aria. Una volta collegato il cavo dell’antenna e l’alimentazione accendo l’apparecchio e mi trovo a che fare con una procedura di configurazione iniziale molto carina, completamente grafica e a fumetti, mediante la quale eseguo la scansione delle emittenti TV e connetto il televisore alla rete Wi-Fi, assicurandomi la possibilità di sfruttare anche le app e la navigazione in Internet.

Anzitutto imposto le immagini sulla modalità “Film”, disabilitando le varie funzioni per la riduzione del rumore, la compensazione del movimento e così via. Il telecomando Magic Remote è molto pratico, bisogna soltanto abituarsi alle proporzioni, poiché spesso ho premuto per sbaglio il tasto di ricerca al posto dell’OK, e ad utilizzarlo alla cieca, in quanto non ha retroilluminazione. Inizio con la visione dei programmi TV in HD, che è molto gradevole, non si notano artefatti e la resa cromatica ha una buona saturazione.

Con il tasto Home si accede ad un "launcher" che comprende la selezione delle sorgenti e delle funzioni Smart TV, per la quale LG ha utilizzato WebOS, il sistema operativo acquisito tempo fa da HP, adattato ai TV e giunto alla versione 3.

Con il tasto Home si accede ad un “launcher” che comprende la selezione delle sorgenti e delle funzioni Smart TV, per la quale LG ha utilizzato WebOS, il sistema operativo acquisito tempo fa da HP, adattato ai TV e giunto alla versione 3.

Il catalogo delle app è ben fornito, anche se non fornito come quello Android.

Il catalogo delle app non è ben fornito come quello Android

Per installare l'app sullo smartphone è sufficiente una scansione del codice QR presentato sullo schermo.

Per installare l’app sullo smartphone è sufficiente una scansione del codice QR presentato sullo schermo.

Veloce e pratico il browser integrato in WebOS.

Veloce e pratico il browser integrato in WebOS.

La visione dei canali in definizione standard è di sufficiente qualità, lo zapping tra i canali è molto rapido. Data la qualità abbastanza elevata delle immagini che ho visto finora con i segnali TV, sono ansioso di vedere il come si comporta il pannello con i Bluray HDR. Collego il lettore Ultra HD e inserisco il disco 4K “Sopravvissuto – The Martian” che sto utilizzando da un po’ come riferimento per i test: dalle prime battute noto una resa cromatica eccellente, un nero molto profondo che unito all’altissima definizione mi offre immagini molto naturali e credibili, nonostante il tema del film. Le scene in cui intervengono i riflessi sui pannelli solari mi danno quell’impressione di realismo propria dell’HDR.

Provo un altro titolo in 4K UHD che mi sono procurato da poco, si tratta di “Independence Day” e parto con la visione della versione estesa: molto buona la resa cromatica, ottimo il contrasto, si nota un certo “effetto grana” che fa tanto pellicola cinematografica. I fari installati sull’elicottero (cap. 24, 00:46:22) sono intensi al punto giusto; la scena dell’apertura dell’esoscheletro alieno (cap. 42, 01:27:56) è molto luminosa, i colori sono vividi e i dettagli eccellenti. Passo ad alcuni Bluray 1080p, con “Samsara” di Ron Fricke le immagini sono ben contrastate e la resa cromatica molto buona, ad esempio l’incarnato delle danzatrici balinesi e la vallata dei templi nella giungla ha dei colori saturi, ma allo stesso tempo morbidi. Stessa morbidezza che rilevo nell’incarnato da alcune scene di “Oblivion”, il film di fantascienza con Tom Cruise.

Con i DVD è preferibile attivare lo scaler 4K, che migliora leggermente la compattezza degli sfondi e rende i colori in po’ più caldi. Collego un SSD alla porta USB 3.0 per vedere i due trailer 4K HDR di “Exodus” e “Life of Pi”, in particolare il primo offre dei colori realistici e immagini estremamente dettagliate, il secondo presenta particolari che risaltano bene dalla penombra. Sullo stesso supporto vado a scegliere il video 4k@24fps “Into the Cave of Wonders”: la profondità del quadro è impressionante, i colori sono ricchi e la precisione del dettaglio permette di distinguere particolari delle strutture calcaree che sembrano quasi saltare fuori dallo schermo; con il video 4K@30fps “Costarica in 4K” la resa cromatica è molto naturale.

Molto intuitiva la navigazione nei contenuti di una memoria di massa collegata via USB.

Molto intuitiva la navigazione nei contenuti di una memoria di massa collegata via USB.

La selezione di ogni parametro delle impostazioni è sempre accompagnata da una simpatica vignetta esplicativa.

La selezione di ogni parametro delle impostazioni è sempre accompagnata da una simpatica vignetta esplicativa.

Tra le impostazioni generali, la configurazione del Deep Colour per le porte HDMI.

Tra le impostazioni generali, la configurazione del Deep Colour per le porte HDMI.

Con lo smartphone collegato in Wi-Fi alla stessa LAN ecco arrivare al TV le foto presenti nella memoria locale grazie all'app LG TV Plus.

Con lo smartphone collegato in Wi-Fi alla stessa LAN ecco arrivare al TV le foto presenti nella memoria locale grazie all’app LG TV Plus.

In generale, molto buono l’angolo di visione delle immagini. Per mezzo del navigatore di contenuti vado a provare quali tracce audio vengono riprodotte dal TV: FLAC e WAV fino a 192 kHz/24 bit, oltre ai classici MP3, AAC e WMA. Il suono che scaturisce dai driver curati da Harman Kardon è più che soddisfacente, ha buona potenza, estensione in gamma bassa ed è limpido sul medio-alto Il riproduttore multimediale è in grado di visualizzare fotografie in formato PNG, GIF e JPEG. Naturalmente l’apparecchio è compatibile DLNA, quindi si possono scorrere le librerie disponibili in rete locale e utilizzare il TV come destinazione della riproduzione; l’apparecchio può essere controllato con l’app per smartphone LG TV Plus, che permette l’invio in streaming al TV dei contenuti multimediali presenti nella memoria locale dello smartphone.

L’apparecchio è fornito della funzione Multiview che permette la visione contemporanea di due sorgenti in due diversi riquadri. Molto veloce il browser Internet; comoda la ricerca vocale col microfono del telecomando. Le app disponibili in LG Content Store non sono molte, purtroppo. In generale, le funzionalità Smart TV sono risultate sempre immediate nella risposta e molto semplici da utilizzare.

L'app sullo smartphone consente di lanciare le applicazioni smart installate sul TV.

L’app sullo smartphone consente di lanciare le applicazioni smart installate sul TV.

I contenuti multimediali possono essere facilmente selezionati per la riproduzione sul televisore.

I contenuti multimediali possono essere facilmente selezionati per la riproduzione sul televisore.

Conclusioni

Il 55″ della serie 770V è un TV di ottimo livello, che offre immagini HDR con una resa cromatica molto naturale, neri profondi e un eccellente contrasto. Tra gli apparecchi che ho potuto vedere recentemente questo LG è il migliore del lotto, a parte il Panasonic che costituisce il riferimento della categoria, per quasi il triplo del costo, però. Il prezzo competitivo, e la possibilità di accedere anche ai programmi TV via satellite (con CAM e scheda Tivùsat Gold) che iniziano ad essere trasmessi in 4K, lo rende davvero interessante per entrare nella maniera giusta nel mondo dell’Ultra HD.

di  Marco Meta


Ci è piaciuto:

  • Resa cromatica UHD HDR
  • Audio dei driver integrati
  • Certificazione Tivùsat e Tivùon!

Non ci è piaciuto:

  • Mancanza ingresso SCART

Le misure dell’LG UE55UH770V

 

Impostazioni per l’esecuzione dei test

Mod. Ottimale: Modalità “Film”. Mod. Aggressiva: Modalità “Nitidezza”

 

Intensità, picco, livello, rapporto: VOTO 9,5 (peso 1)

Intensità luminosa massima, area 100%, Y 100%: 239 nit (mod. ottimale), 444 nit (mod. aggressiva)

Picco del bianco, area 20%, Y 100%: 257 nit (mod. ottimale), 326 nit (mod. aggressiva)

Livello del nero, area 100%, Y 0%: 0,043 nit (mod. ottimale), 0,193 nit (mod. aggressiva)

Rapporto picco del bianco/livello del nero: 5.977 (mod. ottimale), 1.689 (mod. aggressiva)

La luminosità del pannello è abbastanza elevata e, in corrispondenza del livello molto contenuto del nero, offre un ottimo rapporto full on/full off.

 

Uniformità illuminazione – bianco con intensità al 50%: VOTO 7 (peso 3)

UNIFORMITA-LG-55UH770V

Il pannello presenta una buona uniformità dell’illuminazione nel terzo inferiore, mentre nei due terzi superiori assume valori con uno scarto di quasi il 20% in meno rispetto a quanto rilevato nel centro.

 

Equilibrio cromatico in funzione del livello di illuminazione: VOTO 9 (peso 3)

EQUILIBRIO-LG-55UH770V

La resa cromatica è sostanzialmente equilibrata, con variazioni di modesta entità; soltanto alle bassissime luci risalta uno scostamento maggiore.

 

Linearità in funzione del livello di illuminazione: VOTO 9 (peso 3)

GAMMA-LG-55UH770V

Il gamma normalizzato al 50% ha un andamento molto regolare.

 

Tavola CIE 1931: VOTO 8,5 (peso 2)

CIE-1931-LG-55UH770V

Il gamut è abbastanza buono, di poco inscritto nel riferimento sul blu, mentre è poco più ampio sul verde. Il punto del bianco è prossimo al valore di riferimento.

 

 

Pagella LG 55UG770V

COMMENTO VOTO
Prestazioni Ottima la visione di contenuti 4K HDR, la resa cromatica è molto naturale grazie alle diverse soluzioni tecnologiche inserite da LG nel TV. La visione dei canali in alta definizione è molto gradevole. Buono l’audio. 8,5
Possibilità operative webOS si è dimostrato molto reattivo e veloce; bella la grafica dell’interfaccia utente. Buona l’idea di mostrare una vignetta di aiuto su ogni parametro della configurazione. La gestione dei contenuti multimediali è di ottimo livello. 8,5
Costruzione L’apparecchio è realizzato molto bene, lo stand è bello da vedere, sembra quasi che il TV sia sospeso nell’aria. Buono il Magic Remote. 8
Rapporto qualità/prezzo Con tutte le possibilità di connettività che possiede, le buone prestazioni video e la bella (e semplice) interfaccia utente, il prezzo mi pare molto competitivo. 8,5
Misure Il pannello ha un rapporto full on/full off molto elevato, che deriva dall’ottimo livello di luminosità e dal nero abbastanza basso raggiunto in modalità ottimale. La luminosità è risultata poco uniforme nelle varie zone del pannello, in compenso la resa cromatica ha evidenziato un buon equilibrio complessivo, che abbiamo riscontrato come molto naturale con i vari contenuti utilizzati nella prova. 8,5

di Marco Meta

 


Carta d’identità

  • Marca: LG
  • Modello: 55UG770V
  • Tipo: Televisore LCD 4K HDR
  • Dimensioni: 1239x717x53,8mm (senza base), 1239x772x263 mm (con base)
  • Peso: 16,8 kg (senza base), 18,8 kg (con base)
CARATTERISTICHE PRINCIPALI DICHIARATE
  • Schermo: LCD 4K Ultra HD IPS Edge LED (3840×2160 pixel)
  • Diagonale: 55” (140 cm)
  • Audio: 20 W
  • Connessioni: 3 ingressi HDMI 2.0a, 1 ingresso component + audio, 1 ingresso videocomposito + audio, 1 uscita audio analogica, uscita cuffia, slot Common Interface CI+, 2 porte USB 2.0 tipo A, 1 porta USB 3.0 tipo A, porta Ethernet, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac Dual Band, Bluetooth

Distribuito da: LG Electronics Italia, Tel. 199 600099 www.lg.com/it

Prezzo: 1.599,00 euro


 

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *