OLLO Audio HPS S4

Che effetto fa indossare una cuffia pensata per gli studi di registrazione da una piccola azienda artigianale della Slovenia? Come si confronta con i mostri sacri dell’ascolto domestico? Cosa significa ISO226:2003 da un punto di vista sonoro? Scopriamolo!

OLLO Audio è una start-up slovena che opera nella città di Nova Gorica, alla frontiera con l’Italia. Per qualcuno sarà difficile pensare che da un’azienda ancora artigianale possano arrivare prodotti in grado di competere con marchi storici del calibro di AKG, AudioTechnica, Denon, Sennheiser, eppure la piccola OLLO è attualmente oggetto di un’esplosione di vendite e interesse che sta investendo il settore professionale.

La casa realizza solo due modelli di cuffie, una aperta e una chiusa, entrambe pensate per l’impiego in studio: il modello open-back è infatti specifico per l’impiego in “mixing sessions”, ovvero per prendere le decisioni critiche durante la fase di mixaggio in cui si decidono i rapporti di livello tra i vari strumenti, il loro posizionamento spaziale, l’effettistica da applicare.

Il modello chiuso è pensato invece per le sessioni di registrazione durante le quali serve un forte isolamento reciproco tra suono della cuffia e ambiente circostante, come per esempio quando un cantante sovrappone una parte vocale a una base preregistrata e ciò che arriva in cuffia non deve essere captato dal microfono della voce. La casa slovena realizza anche un terzo prodotto: entrambe le cuffie possono infatti essere completate da un sistema di percezione sonora dei bassi attraverso il corpo che il costruttore definisce di “haptic monitoring”, ovvero letteralmente monitoraggio tattile.

Un subwoofer a cuscino da porre a contatto con le scapole dell’ascoltatore, pilotato da un amplificatore dedicato, fornisce una sensazione fisica di percezione delle basse frequenze pur senza diffonderle acusticamente nell’ambiente e permette così un’esperienza di ascolto che il costruttore raccomanda a chi deve lavorare di notte in casa, o in ambienti non isolati come per esempio camere d’albergo.

Prima di passare all’esame della cuffia vera e propria, merita soffermarsi sull’originalità della formula di vendita di OLLO: la casa infatti crede moltissimo nelle vendite on-line perché tramite esse riesce a tenere bassi i prezzi, ma poiché vuole anche che ognuno sia pienamente convinto della cuffia ordinata offre la possibilità di provare per 30 giorni il prodotto a fronte di un deposito di 99 euro tramite PayPal.

Se alla fine di tale periodo l’esperienza sarà stata positiva il cliente procederà al pagamento di 12 rate mensili di 15,90 € l’una, mentre in caso contrario potrà restituire la cuffia e vedersi rimborsato il deposito iniziale. Si tratta di una formula probabilmente mai applicata a questa tipologia di prodotto, e che certamente dimostra il grado di fiducia che OLLO pone nella bontà dei suoi prodotti.

HPS S4

La HPS S4 è la cuffia aperta di OLLO e dimostra immediatamente i capisaldi della filosofia costruttiva della casa: i trasduttori impiegati sono dinamici con diametro di 50 mm, vengono abbinati in fabbrica per la massima identità di risposta e sono ospitati all’interno di padiglioni di noce americano naturale di 86 mm che conferiscono alla cuffia un aspetto molto importante e contemporaneo.

Internamente il diametro dei padiglioni è di 70 mm. L’imbottitura è in foam rivestito in similpelle scamosciata, e complessivamente risulta soffice, omogenea e al contempo dotata di buon potere sigillante in modo da fornire al trasduttore il carico acustico definito dal progettista. OLLO riporta una durata di circa 1.000/1.500 ore per tali imbottiture, dopodiché raccomanda di cambiarle in modo da mantenere la risposta a bassa frequenza prevista in sede di progetto. L’interno dei padiglioni è rivestito con un sottile feltro rosso scarlatto, anch’esso con una precisa funzione acustica.

La parte esterna è invece chiusa da una piastra metallica nera dotata di fori circolari di ventilazione. Il doppio archetto che costituisce la struttura portante della cuffia è in acciaio inossidabile di color brunito e si raccorda ai padiglioni tramite snodi sull’asse orizzontale che ne permettono la rotazione a 360° in modo da adattarsi perfettamente a ogni conformazione del cranio. L’appoggio alla testa è demandato a una bandella in similpelle marrone martellato concepita originariamente per usi nautici. La regolazione verticale della calzata è assicurata dal fatto che la bandella è composta da tre pezzi sospesi elasticamente tra loro e quindi si adatta automaticamente al capo dell’utilizzatore.

I micro-jack che garantiscono il collegamento elettrico della cuffia.

Il segnale audio arriva alla cuffia tramite due cavetti collegati ai padiglioni tramite micro-jack dalla presa salda e sicura. Questi cavetti, ancora di colore rosso, costituiscono l’unico modo di identificare i due padiglioni grazie alle scritte L ed R poste sui micro-jack di collegamento. Essi confluiscono poi in un’unica calza in seta nera e complessivamente il collegamento è lungo circa due metri.

L’estremità che va alla sorgente è dotata di un connettore composito mini-jack 3,5 mm/jack standard 6,35 mm, in modo da potersi adattare sia a dispositivi portatili che a tradizionali amplificatori domestici. Il costruttore evidenzia come l’impedenza di 32 ohm nominali e la capacità di 112 dB di SPL consentano alla HPS S4 di collegarsi a una vasta gamma di dispositivi senza le limitazioni di volume tipiche di cuffie dall’impedenza maggiore. Le note esteriori si concludono osservando che la cuffia non è ripiegabile ma può essere agevolmente trasportata in una borsa in ecopelle nera fornita in dotazione.

Da un punto di vista delle prestazioni acustiche la S4 è pensata per fornire una risposta in frequenza coerente con lo standard ISO226:2003. Esso definisce un andamento della curva di risposta che viene percepito di uguale intensità a tutte le frequenze da parte dell’ascoltatore medio. A testimonianza di tale prestazione OLLO fornisce ogni cuffia di curva di risposta individuale, ed essa evidenzia l’estensione piena agli estremi banda come anche una sostanziale linearità in un range di 10 dB. Sul proprio sito la casa pubblica un grafico di deviazione dalla linearità assoluta che evidenzia come secondo tale misura la S4 sia la più lineare rispetto a un pool di altre famose cuffie di pari fascia e destinazione.

In uso

Coi suoi 302 grammi (cavi esclusi) la HPS S4 non è certamente pesantissima. Il comfort è buono, anche se lievemente limitato dal fatto che la pressione dei padiglioni sulle tempie e le orecchie è netta in modo da garantire la tenuta dei cuscini di imbottitura: la curvatura dell’archetto e la tensione della bandella elastica sono state certamente dimensionate su questo obiettivo, ma comunque la S4 è lontanissima dall’essere una “cuffia-morsa”. L’archetto ha la tendenza a risuonare se colpito accidentalmente: non è certamente un caso frequente e se capita basta smorzarlo con la mano per “zittirlo”.

All’ascolto appaiono immediatamente due caratteristiche: la prima è quella di una musicalità aperta, e la seconda quella di una grande velocità. Riguardo alla timbrica in generale infatti la S4 si dimostra naturale e piacevole, con un grande senso di apertura che tuttavia non fa rima col suono esaltato in gamma alta tipico di una concezione “monitor” ormai superata. Ne beneficiano le voci, davvero trasparentissime sia nel range maschile che in quello femminile, e gli strumenti solisti in generale.

La curva di risposta in frequenza rilevata individualmente viene fornita con tutte le cuffie OLLO.

Il basso è presente, articolato e abbastanza profondo, ma solo se occorre: la S4 non è una cuffia pestona e non restituisce emozioni che non sono state incise sul disco. Solo il basso profondissimo è leggermente indietro, a marcare quella che è una naturale differenza rispetto a modelli che costano da cinque a dieci volte tanto e magari si basano su tecnologie dei trasduttori diverse. Vi è un filo di esuberanza nella gamma a cavallo tra i 100 e 200 Hz, ma probabilmente contribuisce essa stessa a dare quella bella sensazione di musicalità della cuffia OLLO.

Non siamo infatti di fronte a una cuffia che fa “a pezzi” il messaggio sonoro, ma al contrario lo rende come un unicum ben dettagliato e senza alcuna tendenza a impastare. In tal senso molto si deve alla citata caratteristica di velocità: percussioni, piatti, pizzicato delle chitarre, sospiri del cantante hanno tutti un fronte di salita ripido e netto, che evidentemente aiuta il cervello dell’ascoltatore a distinguere i vari suoni tra loro senza bisogno di ricorrere a una risposta in frequenza sparata in alto.

Ultime note per burn-in e capacità di pilotaggio: anzitutto la S4 richiede almeno una trentina di ore di rodaggio per dare il suo meglio, e in quanto al pilotaggio va d’accordo con tutto ma si esalta ulteriormente con uno stadio cuffia di buona qualità, senza bisogno di sconfinare nell’esoterico.

Conclusioni

Ancora una volta il settore professionale propone prodotti caratterizzati da grande rapporto qualità/prezzo e in grado di dare pesantemente del filo da torcere a prodotti hi-fi di prezzo analogo. A meno di 300 euro la S4 è estremamente competitiva per il suo riuscito mix di naturalezza, velocità, piacevolezza. L’aspetto particolare e piacevolmente artigianale aggiunge un richiamo in più.

Giulio Curiel


OLLO Audio HPS S4

Cuffia dinamica aperta

Distributore per l’Italia: OLLO Audio d.o.o. PE MCNG, Industrijska cesta 6, 5000 Nova Gorica, Slovenia, EU. olloaudio.com
Prezzo: euro 289,80 (in promozione)

Caratteristiche dichiarate dal costruttore
  • Diametro dei trasduttori: 50 mm.
  • Risposta in frequenza: 20 Hz-22 kHz flat response design.
  • Massima SPL: 112 dB.
  • Impedenza: 32 ohm.
  • Cavo: staccabile a Y terminato su micro-jack da 2,5 mm.
  • Connettore: mini-jack da 3,5 mm con adattatore a 6,35 mm

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment