Sony STR-DN860

Piccolo prezzo grandi prestazioni

Decodifica un ampio ventaglio di formati audio, ha una elevata potenza e offre una sezione video di buon livello con supporto al 4K e 3D: il Sony STR-DN860 è il docile compagno di Cinema e Musica di qualità tra le mura domestiche, che può essere controllato con uno smartphone (o tablet) e l’app SongPal.

Nei prodotti in uscita nel 2015, Sony ha introdotto varie novità, tra le quali la decodifica della musica liquida in alta risoluzione, che include anche le tracce in formato DSD a 5,6 MHz (2 canali) e 2,8 MHz (5 canali). Il modello STR-DN860 è uno dei due sintoamplificatori – il fratello STR-DN1060 ha alcune soluzioni di ingresso in più e maggiore potenza di uscita – che adottano queste tecnologie per trasformarsi nel fulcro dell’intrattenimento domestico.

154-157-AR368-Sony-STR-DN860-sintoampli-DV-1

Con il suo design improntato alla semplicità, il pannello frontale ha nel mezzo una fascia di pulsanti che servono a selezionare o attivare/disattivare alcune delle funzionalità dell’apparecchio, ad esempio gli altoparlanti, la connessione Bluetooth, il cambio di canale radio e la modalità di ascolto. Sopra questi pulsanti c’è il circuito NFC per l’attivazione automatica del pairing Bluetooth, il display informativo e il ricevitore a raggi infrarossi del telecomando, mentre al di sotto, partendo da sinistra, ci sono il tasto di accensione/ stand-by e le due manopole per la selezione della sorgente e la regolazione del volume di ascolto. Nella parte bassa ci sono la presa jack da 6 mm per la cuffia, la presa jack da 3,5 mm per il microfono di calibrazione e una porta USB 2.0 per collegare memorie flash e hard disk.

Rivolgendo lo sguardo sul retro, si nota come si sia badato a semplificare molto la connettività della macchina: l’ingresso digitale coassiale è posizionato accanto alla prima delle cinque prese HDMI, tutte compatibili 4K/3D (la terza anche MHL per collegare uno smartphone), a seguire la porta HDMI di output, dotata di ARC e compatibilità HDCP 2.2 e la porta di rete ethernet per la connessione cablata. Nella parte alta sono collocate le due antenne orientabili per la trasmissione simultanea con Wi-Fi e Bluetooth, mentre nell’angolo basso di sinistra ci sono altri due ingressi digitali, in versione ottica, e la presa per l’antenna FM.

Per ciò che riguarda audio e video analogico, abbiamo due ingressi videocomposito con un’uscita monitor, quattro ingressi stereo, e un doppio pre-out per subwoofer. Seguono i connettori a vite per i diffusori (da 6 a 16 ohm di impedenza) utilizzabili anche con dei connettori a banana e l’uscita del filo di corrente, che è fisso. È possibile impiegare i canali surround back per una coppia di diffusori alternativa, oppure per l’amplificazione bi-wiring dei canali frontali. Rimuovendo la copertura in lamiera si può osservare un interno molto ordinato e la presenza di una sezione di alimentazione ben dimensionata.

154-157-AR368-Sony-STR-DN860-sintoampli-DV-2

La scheda di controllo con gli ingressi HDMI, che ospita il chip Silicon Sil9573 per la gestione delle porte col supporto UltraHD e MHL, il convertitore stereo 192 kHz Burr-Brown 4190 e il DSP di Analog Devices ADSP-21487, è collegata con due cavi flat alla scheda principale. Al di sopra di essa, inscatolato in un contenitore metallico, si trova il piccolo adattatore Wi-Fi/ Bluetooth. Le coppie di transistor di potenza, dei Sanken MP1620 e MN2488, sono disposte su un’unica aletta di raffreddamento piazzata più o meno al centro del telaio.

Relativamente alle prestazioni, quelle di targa indicano una potenza massima di 165 W per canale su 6 ohm, con THD dello 0,9% a 1 kHz. Passando alle funzionalità disponibili, la macchina di Sony offre l’upscaling video 4K@30p, la calibrazione ADCAC (Advanced Digital Cinema Auto Calibration), la decodifica, tra gli altri, dei formati multicanale Dolby Digital Plus, True HD, Pro Logic IIx, DTS HD Master Audio, DTS 96/24 e DTS-ES Discrete 6.1, il codec LDAC per la riproduzione in alta qualità anche via Bluetooth con i dispositivi compatibili, supporto DLNA, Spotify Connect, Google Cast e Airplay; il sistema è dotato di Miracast (anche in connessione Wi-Fi diretta senza passare per un access point), il protocollo per il mirroring, con video fino a 1080p e audio stereo dei contenuti presenti su smartphone e tablet forniti di questa funzione.

Sui dispositivi iOS e Android è possibile installare l’app gratuita SongPal, che in pratica sostituisce telecomando e consente di utilizzare il sintoampli in modalità multi-room assieme agli altri apparecchi compatibili di Sony (soundbase, soundbar e diffusori wireless). Il DN860 rientra inoltre tra i dispositivi compatibili con il software MediaGo di Sony, disponibile soltanto per piattaforma Windows, che consente di organizzare i contenuti multimediali presenti nel PC sul quale è installato e gestirne la riproduzione.

L'interno della macchina appare piuttosto ordinato. La sezione di alimentazione è dimensionata in modo adeguato.

L’interno della macchina appare piuttosto ordinato. La sezione di alimentazione è dimensionata in modo adeguato.

La prova

Le dimensioni compatte del prodotto Sony semplificano l’inserimento nella catena di ascolto: collegare i diffusori (in configurazione 6.1), le sorgenti utili per la prova (un lettore Blu-ray e un PC media center con OpenElec) e il TV con le prese HDMI è un’operazione che si completa in meno di cinque minuti. Nel pannello posteriore ci sono prese a sufficienza per collegare dispositivi recenti dotati di uscita HDMI, assieme a riproduttori analogici; non posso fare a meno di notare l’assenza di connessioni component e dell’ingresso Phono.

L'interfaccia utente è costituita da poche ma ben chiare funzionalità.

L’interfaccia utente è costituita da poche ma ben chiare funzionalità.

La procedura di calibrazione è stata semplificata al massimo.

La procedura di calibrazione è stata semplificata al massimo.

 

L’interfaccia utente è davvero semplice da utilizzare e dopo aver eseguito la veloce procedura di autocalibrazione dei diffusori, ho iniziato a saggiare le caratteristiche del DN860 con alcuni dei Blu-ray che utilizzo come riferimento per la qualità del video e dell’audio: si tratta di “The Art of Flight”, che ha l’audio in Dolby TrueHD, e di “Baraka”, con l’audio codificato DTS HD Master Audio. Il primo è una festa per occhi e orecchie: la resa video è molto buona e lo stesso vale per la sezione audio.

La traccia TrueHD 7.1 sfrutta bene tutti i canali, gli effetti sono ben riprodotti la colonna sonora è trascinante. Passo a “Baraka” e cerco di far smuovere ancor di più le membrane dei diffusori con la scena al cap. 9 (32’ e 15”), l’esplosione della miniera: la dinamica è travolgente. Interessante la scena al cap. 10 (37’ e 24”), l’interno della fabbrica di sigarette indonesiana, nella quale si riesce a percepire l’articolazione del dettaglio che l’amplificatore è in grado di restituire. In generale, anche a volume abbastanza basso, l’ascolto risulta ben definito.

Ciascuna modalità di ascolto propone a video una chiara spiegazione di quanto si ottiene selezionandola.

Ciascuna modalità di ascolto propone a video una chiara spiegazione di quanto si ottiene selezionandola.

La procedura di calibrazione è stata semplificata al massimo.

La procedura di calibrazione è stata semplificata al massimo.

Una volta visibile in rete locale, il sintoamplificatore è accessibile tramite AirPlay per la riproduzione dei contenuti presenti sul dispositivo iOS.

Una volta visibile in rete locale, il sintoamplificatore è accessibile tramite AirPlay per la riproduzione dei contenuti presenti sul dispositivo iOS.

L’output video Full HD@24fps anche in questo caso è di buon livello. Lascio i film per dare uno sguardo al DVD musicale “Live in Paris” di Seal. Qualche estratto dalla traccia DTS 5.1 mi proietta in mezzo al pubblico dell’Olympia; il suono è piacevole e mi lascio trasportare dal ritmo incalzante della band del cantante inglese. Se si vogliono sfruttare al massimo tutte le peculiarità di questo sintoamplificatore, dopo averlo collegato in rete con cavo o tramite Wi-Fi, consiglio di installare l’app gratuita SongPal che consente, tra le altre cose, di ascoltare le radio messe a disposizione tramite TuneIn e le tracce audio presenti sui server DLNA attivi in rete locale.

All’installazione di SongPal su Android occorre attivare Bluetooth per completare la procedura di connessione, che poi sfrutta il collegamento Wi-Fi, mentre con iOS la comunicazione è gestita soltanto via Bluetooth. Invece, se si vuole utilizzare Google Cast, è necessario scaricare un’app come Localcast, in quanto da Google Play Music è possibile riprodurre soltanto i brani acquistati o caricati nel cloud. Sfiorando con uno smartphone l’area NFC sul frontale dell’apparecchio si attiva il pairing e dopo pochi secondi posso inviare le tracce audio in streaming via Bluetooth.

Con l'app SongPal si possono controllare tutte le funzioni del DN860.

Con l’app SongPal si possono controllare tutte le funzioni del DN860.

Il player integrato in SongPal va a "pescare" con DLNA le tracce in rete locale e le fa suonare al sintoamplificatore. Dallo slider presente nell'interfaccia si può regolare il volume d'ascolto senza interagire col telecomando.

Il player integrato in SongPal va a “pescare” con DLNA le tracce in rete locale e le fa suonare al sintoamplificatore. Dallo slider presente nell’interfaccia si può regolare il volume d’ascolto senza interagire col telecomando.

Secondo l’ultima moda, la sezione DAC integrata decodifica, fino a 192 kHz/24 bit, le tracce WAV e FLAC di test che sottopongo, così come una serie di file DSD presi dal catalogo della solita casa norvegese 2L, in formato DSF e DFF campionati a 2,8 e 5,6 MHz. La riproduzione mi sembra cristallina in gamma alta e molto pulita sulle basse frequenze. Ho effettuato le prove di ascolto stereo in modalità “flat”, cioè senza equalizzazioni, e in modalità “Pure Direct”, che spegne il display sul frontale, ma tiene attiva l’uscita HDMI, senza riscontrare differenze eclatanti.

Tenendo in considerazione la fascia di appartenenza del prodotto, posso ritenerlo complessivamente equilibrato, sebbene ci sia una certa esuberanza della gamma alta che, però, non infastidisce. Per quanto riguarda la radio FM integrata, l’apparecchio offre una buona ricezione delle emittenti.

Conclusioni

Nella fascia di prezzo cui appartiene, il Sony STR-DN860 offre buone caratteristiche sia dal punto di vista dell’audio che del video. Elevata potenza di uscita, capacità di decodificare le tracce musicali in alta risoluzione e buona qualità dell’audio riprodotto sono attributi che si combinano positivamente con la compatibilità 4K/3D e la capacità di upscaling 4K. Un prodotto sicuramente valido per sfruttare appieno le colonne sonore dei film e ascoltare la musica con alta qualità.

di Marco Meta

 


Ci è piaciuto

  • Facilità del setup
  • Interfaccia utente
  • Qualità del suono

Non ci è piaciuto

  • Nulla da rilevare

Carta d’identità

  • Marca: Sony
  • Modello: STR-DN860
  • Tipo: sintoamplificatore integrato 7.2
  • Dimensioni: 430x156x329,4 mm
  • Peso: 8,3 kg

Caratteristiche principali dichiarate

  • Potenza massima: 165 W per canale (6 ohm, 1 kHz, THD 0,9%).
  • Impedenza minima diffusori: 6 ohm.
  • Risposta in frequenza: 20 Hz-20 kHz.
  • Connessioni: 5 ingressi HDMI 2.0, 1 uscita HDMI 2.0, 4 ingressi RCA stereo, 2 uscite RCA subwoofer, 2 ingressi videocomposito, 1 uscita videocomposito, 1 ingresso digitale coassiale, 2 ingressi digitali ottici, MHL, Wi-Fi 802.11, Bluetooth 2.1 + EDR, ethernet, NFC, 1 porta USB 2.0 tipo A

Distribuito da: Sony Europe Limited Sede Secondaria Italiana, Via Galileo Galilei 40, 20092 Cinisello Balsamo (MI). Tel. 199151146 Fax 02 61838479 servizio.consumatori@ eu.sony.com

Author:

Share This Post On

Submit a Comment