HTC 10

Il top di gamma per la riscossa di HTC

Il produttore taiwanese propone i suoi top di gamma ad un prezzo molto alto ed anche stavolta non si smentisce; le caratteristiche fondamentali di questo tipo di prodotti della casa sono schermo e fotocamera principale dalle grandi prestazioni, telaio completamente in metallo e qualità costruttiva elevata. Il grande cambiamento è l’impostazione del dispositivo: le funzionalità Android “stock” hanno ora molto più peso rispetto al passato, che vedeva come fulcro del software l’interfaccia Sense.

Il nuovo smartphone col quale HTC tenta di smuovere dei risultati di vendita non proprio esaltanti ha una struttura unibody in alluminio, del resto come da tradizione, e con i contorni smussati; lo schermo è un Super LCD 5 da 5,2” con 2.560×1.440 pixel di risoluzione, 564 PPI e protezione Gorilla Glass (il Super LCD è un tipo di schermo senza spazio tra vetro e pannello, N.d.R.).

Nella parte superiore del display è collocata la capsula audio, utilizzata come altoparlante per l’emissione delle alte frequenze durante l’ascolto della musica, con il LED di stato poco sotto la griglia, il sensore di luminosità ambientale e di prossimità al di sopra, e la fotocamera frontale da 5 megapixel, con apertura f/1.8, stabilizzatore OIS, la possibilità di utilizzare lo schermo come flash e la capacità di riprendere video in Full HD.

Nella parte bassa c’è il tasto Home a sfioramento, che integra anche il sensore per le impronte digitali, e due tasti capacitivi, utilizzati rispettivamente per tornare indietro e richiamare i menu applicativi. La fotocamera principale posta sul retro dell’apparecchio, con l’obiettivo leggermente sporgente, ha un sensore BSI da 12 megapixel con tecnologia UltraPixel 2 e stabilizzatore ottico, autofocus laser e flash LED dual tone, in modalità Pro può essere impostato per salvare le immagini in formato Raw; quanto ai video, si possono effettuare riprese fino alla risoluzione 4K e con audio stereo in alta risoluzione a 96 kHz/24 bit.

Nel bordo superiore si trova soltanto la presa da 3,5 mm per cuffie e auricolari, dotata di amplificazione dedicata, mentre nel bordo inferiore, ai lati della porta USB Type-C, che con un apposito adattatore diventa compatibile Display Port, sono situati il microfono principale e l’altoparlante per le basse frequenze, protetto da una griglia. I due altoparlanti sono equalizzati con BoomSound di HTC e hanno anch’essi un amplificatore dedicato ciascuno.

Inoltre, nel telefono sono presenti tre microfoni per la cancellazione del rumore e pure un convertitore audio digitale/analogico. All’interno della scocca si trova il SoC Snapdragon 820, nel quale è incluso un processore Quad Core a 64 bit (2×2,15 GHz + 2×1,59 GHz) e una GPU Adreno 530; il sistema implementa ben 4 GB di RAM LPDDR4 e, a seconda della configurazione, 32 (come nel nostro caso, con 23 GB circa disponibili per l’utente) oppure 64 GB di memoria flash, espandibile con microSDXC fino a 2 TB, il cui vassoio estraibile è inserito sul lato sinistro del dispositivo.

Lo slot per la nanoSIM è collocato invece sul lato opposto, poco al di sopra del bilanciere del volume. Subito sotto c’è il tasto di accensione/standby con la superficie in rilievo per una più facile individuazione. A completare la massiccia dotazione hardware ci pensa il modulo per connettività mobile con GSM/GPRS/EDGE quadri-band, UMTS quadri-band e LTE Cat 9 con velocità fino a 450 Mbps in download e 50 Mbps in upload, su tutte le frequenze supportate in Italia (e non solo), Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual band a 2,4 e 5 GHz, Bluetooth 4.2 LE con aptX e NFC; fornita la sensoristica con GPS/Glonass e A-GPS, accelerometro, giroscopio, bussola elettronica e magnetometro.

La batteria da 3.000 mAh può essere ricaricata col caricabatterie rapido in dotazione (supporta la tecnologia Qualcomm Quick Charge 3.0), che consente di raggiungere il 50% del livello di carica in soli 30 minuti. A parte il rosso metallizzato che pare riservato al Giappone, per il resto del mondo le colorazioni disponibili sono tre: Carbon Grey, Glacier Silver e Topaz Gold. Il sistema operativo scelto per gestire tutti questi componenti è Android 6.0.1 Marshmallow, con una serie di funzionalità esclusive di HTC che comprendono l’interfaccia Sense 8, il gestore di temi, l’app Boost+ per l’ottimizzazione del dispositivo, l’app Blinkfeed per raccogliere le informazioni di interesse per l’utente e altro ancora.

L’apparecchio è compatibile con AirPlay, DLNA, Chromecast e Miracast; i formati audio compatibili in riproduzione sono AAC, AMR, OGG, M4A, MID, MP3, WAV e FLAC, mentre per i video abbiamo 3GP, MP4, AVI e MKV. La registrazione dell’audio può essere eseguita in AAC o FLAC; le riprese video possono avere formato MP4 o MKV. Nella confezione è inclusa una coppia di auricolari con microfono, il cavo USB/microUSB Type-C, la – minuscola – guida rapida cartacea ed il pin metallico per l’estrazione degli slot SIM e microSD.

Singoli elementi di ottima qualità

Lo smartphone è abbastanza maneggevole rispetto alla diagonale dello schermo e al peso; le cornici sono piuttosto ridotte, però utilizzarlo con una mano sola è comunque complicato. Se la finitura del retro lo rende un po’ scivoloso, il doppio bordo assicura una buona presa; peccato che l’obiettivo della fotocamera posteriore sia così sporgente. Il display, che è stato sottoposto ad un efficace trattamento oleofobico, è molto luminoso ed è possibile regolare la temperatura colore impostando il profilo a sRGB oppure a Vivid. La visibilità sotto la luce solare diretta risente del riflesso eccessivo dello schermo.

La pagina Home dell’HTC 10 ha una grafica semplice e lineare.

Il dispositivo consente di scegliere tra diversi temi gratuiti grazie all’app HTC Themes.

Molto buona la qualità della voce in conversazione e della navigazione 4G LTE, come è buono il livello di ricezione, mediamente superiore a quello di altri terminali mobili che utilizzo regolarmente o che ho provato di recente. Il fix con i satelliti GPS e Glonass avviene in un lampo, l’apparecchio ha eseguito l’operazione in appena un paio di secondi. L’interfaccia utente ha subito dei cambiamenti rispetto allo standard cui HTC ci ha abituato: sfrutta la Home di Sense con Blinkfeed, che resta accessibile con uno swipe verso destra, mentre le applicazioni principali sono in parte quelle di “Big G”, infatti al posto della Galleria c’è Google Foto, il calendario è quello di Google, la gestione dei documenti è gestita dalle app di Google e così via.

A parte qualche app sviluppata da HTC, per il resto si tratta di applicazioni in puro stile Android “stock”.

Zoe è un’app specifica di HTC, che permette di creare degli highlight da 3 secondi aggiungendo musica di sottofondo e un tema per il “montaggio”; nella fotocamera può essere attivata la modalità omonima per la ripresa delle clip video.

Quando si collegano gli auricolari viene avviata la procedura per la creazione di un profilo audio, che può essere eseguita rispondendo a un questionario oppure con l’ascolto delle frequenze.

Molto interessanti le possibilità offerte dalla riproduzione musicale: la capsula audio e l’altoparlante posto nel bordo inferiore producono una discreta pressione sonora a dispetto delle dimensioni, ottima per l’ascolto in vivavoce. La sorpresa arriva quando si collegano gli auricolari inclusi nel pacchetto oppure la propria cuffia preferita, perché il dispositivo attiva una procedura per la creazione di un profilo audio personalizzato: è possibile sfruttare due diverse modalità, la prima utilizza un questionario (bisogna dichiarare età, genere musicale preferito, etc.), mentre la seconda comporta l’ascolto, prima con l’orecchio sinistro e poi col destro, di una serie di frequenze, sulle quali occorre regolare il volume finché non si riesce a sentire il suono.

Al termine viene generata una curva di equalizzazione che corrisponde alla proprie capacità uditive e al dispositivo usato per l’ascolto: infatti, se si collega un’altra cuffia occorre profilarla di nuovo. Il DAC interno allo smartphone è in grado di decodificare anche i brani in formato DXD (campionamento a 352,8 kHz/24 bit), l’ascolto di alcune tracce estratte dal catalogo demo di 2L già con gli auricolari standard si è rivelato di ottima qualità, come pure quello di file FLAC in alta risoluzione (fino a 192 kHz/24 bit) mi ha lasciato delle buone impressioni.

Con l’ascolto delle frequenze, prima con l’orecchio sinistro e poi il destro, occorre regolare il volume fintanto che non si riesce a sentire il suono. A ogni cerchio corrisponde una determinata frequenza e le singole impostazioni del volume sono utilizzate per generare una curva di equalizzazione personalizzata.

Al momento del test, lo smartphone di HTC risulta classificato tra i 10 dispositivi più potenti.

Il browser integrato è il classico Chrome.

Per quanto riguarda la riproduzione video, lo schermo dell’HTC 10 si presta alla visualizzazione di filmati in Full HD e 4K con una resa cromatica molto convincente; le clip codificate VC-1 non vengono aperte, mentre quelle in XviD sono poco fluide. D’altronde, la stessa sezione fotografica principale permette la realizzazione di filmati in 4K@30fps della durata massima di 6 minuti, salvati in container MKV e codifica AVC, con audio stereo FLAC a 96 kHz/24 bit di eccellente qualità.

Le fotografie scattate col sensore principale da 12 megapixel hanno una resa cromatica ottima, la messa a fuoco laser è istantanea in buone condizioni di illuminazione, mentre col buio e nelle riprese macro entra in difficoltà. Il software della fotocamera può gestire l’HDR in automatico, fare foto panoramiche, consente di riprendere video al rallentatore e in time lapse. Nella modalità “Pro” si possono regolare tempo di esposizione, ISO, bilanciamento del bianco, compensazione dell’esposizione e modalità di ripresa (Macro o Panorama).

Il risultato della prova di navigazione è sufficiente; a giustificazione dei valori bassi devo addurre la scarsa copertura 4G nella mia zona. Le prestazioni si sono invece dimostrate di molto superiori nell’utilizzo quotidiano “on the road”.

Trascinando verso destra la pagina Home si accede a una delle funzioni più apprezzate degli apparecchi HTC, Blinkfeed, che è un aggregatore di informazioni.

Molto buona anche la fotocamera anteriore con selfie ben definiti e video Full HD di livello adeguato. Durante l’utilizzo ho notato che il dispositivo tende a scaldarsi parecchio nella parte bassa dell’impugnatura. La batteria ha una durata discreta; con un utilizzo “normale” (un’ora di chiamate, chat social con trasferimento e visualizzazione di contenuti multimediali e un paio d’ore di navigazione in 4G) si riesce ad arrivare tranquillamente alla serata. Il connettore Type-C per la ricarica costringe a tenere sempre con sé il cavetto USB, dato che ancora è poco diffuso e quindi difficile da trovare in caso di emergenza. La ricarica è effettivamente veloce, in mezz’ora la riserva sale da zero fino a metà della capacità.

Pomeriggio assolato di Luglio nel centro di Roma, la qualità del sensore è molto buona, le zone in ombra sono piuttosto nitide.

Un’altra ripresa sul lato opposto di piazza S. Silvestro mi permette di apprezzare complessivamente una buona resa cromatica.

Conclusioni

Il nuovo terminale mobile di HTC è, nel complesso, un ottimo prodotto: solido, maneggevole, un bello schermo Quad HD e una delle migliori capacità di ricezione della sua categoria, senza dimenticare la buona sezione fotografica. Funzionalità, in ogni caso, appannaggio di tutti i top di gamma. La qualità costa cara…

di Marco Meta


Ci è piaciuto

  • Ricezione segnale cellulare
  • Schermo quad HD
  • Qualità fotografie
  • Qualità audio

Non ci è piaciuto

  • Autofocus laser migliorabile

Carta d’identità

  • Marca: HTC
  • Modello: 10
  • Tipo: smartphone Android
  • Dimensioni: 145,9×71,9×9 mm
  • Peso: 161 gCaratteristiche principali dichiarate
  • Sistema Operativo: Android 6.0.1 (Marshmallow) con HTC Sense.
  • Frequenze di lavoro: 2G 850/900/1.800/1.900 MHz – 3G 850/900/1.900/2.100 MHz – 4G LTE FDD: B1/B3/B5/B7/B8/B20/B28/B32 – 4G LTE TDD: B38/B40/B41.
  • Traffico dati: GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA/ HSUPA/HSPA+/LTE.
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual band 2,4 GHz/5 GHz, Bluetooth 4.2 LE con aptX, NFC, microUSB 3.1 Type-C.
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 820 – 64 bit – quad-core (2 x 2,15 GHz, 2 x 1,59 GHz) + GPU Adreno 530. RAM: 4 GB.
  • Memoria interna: 32 GB (disponibile 23 GB).
  • Espansione memoria: microSD fino a 2 TB.
  • Display: multitouch capacitivo a 10 punti da 5,2” con risoluzione 2.560×1.440 pixel (564 ppi).
  • Batteria: 3.000 mAh. Fotocamera principale: 12 megapixel (4.000×3.000) HTC UltraPixel 2 con flash dual LED dual tone.
  • Fotocamera anteriore: 5 megapixel (1.944×2.592)Distribuito da: HTC Corporation www.htc.com/it

Author:

Share This Post On

Submit a Comment