Philips, Ambilight e Barcellona

Perché TP Vision ha scelto Barcellona per presentare le sue ultime novità? Semplice, perché da quest’anno il brand “Ambilight”, tecnologia che da moltissimo tempo caratterizza i TV a marchio Philips, è main partner dell’FC Barcelona.

Una location davvero particolare quella scelta dalla TP Vision per accogliere giornalisti provenienti da ogni parte del mondo per il lancio dei propri prodotti di punta per il mercato mondiale.

Il luogo scelto è il Museo del Barça, inserito all’interno del quartier generale dell’FC Barcelona che non vuol dire solo calcio, maschile e femminile, ma anche basket, pallamano, hockey a rotelle e numerose altre attività. All’interno del comprensorio è presente il celeberrimo Camp Neu, che per noi italiani è stato il teatro del Mundial ’82 vinto al cospetto del Presidente Pertini ed oggi in fase di demolizione per offrire il posto ad un modernissimo stadio da un miliardo di euro che si chiamerà, nel rispetto della tradizione, Neu Camp Neu.

TP Vision ha stretto una partnership con il Futbol Club Barcelona attraverso il marchio Ambilight, che compare sulle maglie dei calciatori ed ha approfittato dell’ospitalità del club catalano per presentare i nuovissimi prodotti in occasione del lancio sul mercato mondiale, alcuni dei quali giunti in anteprima nella nostra redazione per essere valutati per gli EISA Awards. È il caso delle due cuffie sviluppate sotto il marchio Philips Fidelio e presentate a Barcellona da Benoit Burette. Si tratta della L4 e della T2, due modelli tanto diversi quanto importanti, entrambi premiati, lo scorso 15 agosto, con i premi EISA rispettivamente come Wireless Headphone e In-Ear Head-phone.

T2 e L4, le nuove cuffie Philips Fidelio premiate dall’EISA durante la presentazione a Barcellona.

La Philips Fidelio L4 è una cuffia “over ear”, ovvero che appoggia sulle orecchie, che offre le sue carte vincenti nella qualità sonora, nell’efficacia della funzione di cancellazione di rumore e nella durata delle batterie. Offre un driver da 40 mm, integrato in un volume ridotto rispetto alla generazione precedente ma dalle inalterate caratteristiche sonore, ed una struttura portante metallica ridisegnata per offrire robustezza ad una struttura più leggera. Anche i microfoni per la riduzione del rumore sono stati rivisti in posizione, ora più angolati e spostati anteriormente. La dotazione di codec nell’interfaccia Bluetooth 5.3 comprende LE Audio, LC3 e LDAC Hi-Res.

La T2 è invece una cuffia “In-Ear”, anch’essa più piccola (del 20%) rispetto al modello precedente (del 40% il case “attivo”). Dal disegno similare, la cui caratteristica principale è quella di “poggiare” nel vano auricolare per meglio sostenere e stabilizzare la permanenza in posizione, offre un trasduttore a due vie che permette di garantire basse stabili e robuste e acuti dettagliati e incisivi. Bluetooth 5.3 e stessi codec della L4 garantiscono in qualità, mentre tre microfoni sono presenti su ognuno dei due inserti, due per la cancellazione di rumore ed il terzo per funzionalità di viva voce e comandi vocali. Con una ottima autonomia di 9 ore (27 in più con la carica del case) che diventano 10 (e 30) senza l’impiego della riduzione di rumore, risponde alle richieste dello standard IPX4 per l’uso indoor.

Comparativa delle funzionalità “Crystal Clear” del nuovo OLED+ 908 e le modalità “Dynamic” (al centro) e “Vivid” dei modelli concorrenti, uno dei momenti più intensi della presentazione dei nuovi Philips.

Philips è però anche Ambilight e dunque televisori. È stato in quest’ambito che Danny Tack in persona, che di Philips è il Deus Ex Machina da 25 anni, ha presentato la nuova linea di OLED+ 2023, contraddistinta dalla sigla 908. In una demo al solito entusiasmante, ricca di dati, di tecnologia e con numerosi televisori a confronto con concorrenti e con modelli precedenti, Danny ha dimostrato le nuove caratteristiche dei pannelli attuali con tecnologia Meta di terza generazione, in grado di offrire il 70% in più nei picchi di luminanza.

Sono pannelli che possono vantare la presenza di ben 42,2 miliardi di microlenti che vanno a minimizzare la perdita dovuta a riflessione di luce interna dalla sorgente OLED verso l’osservatore. Gli OLED+ 908 sono inoltre dotati di un filtro Vantablack capace di abbattere del 70% i riflessi diretti e del 30% quelli generati dalla luce in ambiente.

Il nuovo OLED+ 908 di Philips è disponibile nelle versioni 55, 65 e 77 pollici.

Il processore P5 AI è arrivato alla sua settima generazione e, oltre ad algoritmi di miglioramento immagini aggiornati e più efficienti, ha migliorato la Ambient Intelligent, ora alla versione 2 nell’interfacciamento tra il contenuto dello schermo e la temperatura colore rilevata nell’ambiente per permettere la migliore resa in condizioni reali. L’audio è sviluppato insieme a Bowers&Wilk-ins e integrato alla base del pannello in un sistema 3.1 canali e il sistema operativo impiegato è l’ultima versione del Google TV OS, a cui si accede con un rinnovato telecomando unico a ridotto numero di tasti. I nuovi OLED+ 908 saranno disponibili nelle versioni 55, 65 e 77 pollici.
Rocco Patriarca

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment