Nokia 7 PLUS

Rivedere il marchio Nokia su apparecchi di ultima generazione non può che far piacere, soprattutto per ciò che ha rappresentato nel mondo della telefonia mobile fino all’avvento degli smartphone. Tornato “alive and kicking” grazie alla startup finlandese HMD Global, già dal 2017 Nokia ha ripreso il suo percorso con alcuni smartphone e feature-phone per una difficile risalita sull’Olimpo dei migliori. In questo articolo analizziamo il 7 plus, prodotto di classe media molto interessante per il rapporto prezzo/prestazioni.

Senza ombra di dubbio, Nokia è un marchio di cui moltissimi sentivano la mancanza, invece, grazie alla startup finlandese HMD Global, licenziataria che si occupa della progettazione e del design, e a un accordo con Foxconn, azienda cinese impegnata nella produzione come terzista per varie case, dal 2017 è ripartita la distribuzione di prodotti consumer Nokia.

La presenza agli ultimi due Mobile World Congress ha suscitato molto interesse tra gli addetti ai lavori, infatti lo stand era sempre colmo all’inverosimile, dimostrando che l’attrazione per il marchio è ancora forte nonostante tutto ciò che è accaduto dopo la cessione della divisione terminali mobili a Microsoft. Vengo al dunque: abbiamo ricevuto dal costruttore per una prova approfondita il Nokia 7 plus, terminale mobile che ho avuto l’opportunità di vedere in anteprima a Barcellona ma senza poterlo analizzare a fondo.

Il dispositivo è definito di classe media, però possiede diverse caratteristiche di categoria superiore e fa parte del programma “Android One”, che vuol dire versione “stock” dell’OS con inclusi almeno due aggiornamenti di sistema e tre anni di patch di sicurezza, da quanto ci è stato riferito direttamente dal costruttore, rendendo il ciclo di vita del prodotto notevolmente più lungo rispetto alla media. In effetti, il firmware prevede esclusivamente le applicazioni base di Android 8.1.0 (Oreo) fatta salva qualche piccola personalizzazione.

Dal punto di vista dell’hardware, il terminale mobile è basato sulla piattaforma Snapdragon 660 di Qualcomm: si tratta di un SoC a 64 bit con processore octa-core a doppia frequenza (4 a 1.8 GHz e 4 a 2.2 GHz), GPU Adreno 512, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna (di cui circa 50 GB disponibili per l’utente) espandibile con microSD fino a 256 GB.

La sezione radiomobile offre GSM e UMTS quadri band, LTE 4G Cat. 6 (300 Mbps in download e 50 Mbps in upload) con ottimizzazione delle antenne; la connettività è completata da Wi-Fi a/b/g/n/ac dual band, Bluetooth 5.0 e NFC. Come sensori integrati ci sono il GPS/Glonass con A-GPS, l’accelerometro, la bussola digitale, il giroscopio e il sensore per l’effetto di Hall.

Tutto ciò è racchiuso in un telaio unibody ottenuto da un monoblocco di alluminio 6000; i bordi laterali e quelli che circondano lo schermo sono rifiniti in color rame, mentre la parte posteriore della scocca ha sei strati di verniciatura ceramica, che può essere in nero oppure in bianco. Il display IPS da 6” di diagonale (il rapporto screen/body è circa 77%) con gli angoli arrotondati è in formato 18:9 e protetto da Gorilla Glass 3; accanto alla capsula audio è affogato l’usuale sensore di prossimità e luce ambientale, mentre la fotocamera frontale da 16 megapixel con ottica Zeiss e pixel maggiorati per migliorare i selfie con scarsa illuminazione si trova proprio accanto al marchio Nokia.

Nel bordo superiore c’è la presa jack da 3,5 mm per gli auricolari, mentre nel bordo inferiore è collocato l’altoparlante (mono) di sistema assieme alla presa micro USB Type-C (compatibile OTG) e al microfono principale. Nel bordo sinistro è inserito il vassoio SIM/microSD, in quello destro i tasti per la regolazione del volume e l’accensione/stand-by del dispositivo. È bene chiarire che il modello ricevuto per il test è Dual SIM Dual Stand-by (probabilmente per l’Europa dell’Est), il cui secondo slot è condiviso e alternativo alla microSD, mentre nel nostro Paese sarà distribuita ufficialmente soltanto la versione mono SIM.

L’interfaccia utente è dedicata ai puristi che apprezzeranno Android 8.1 Oreo in versione “stock”.

Le due fotocamere posteriori di cui è provvisto sono leggermente sporgenti: hanno entrambe l’ottica Zeiss, la prima con apertura f/1.75 ha il sensore da 12 megapixel, mentre la seconda con apertura f/2.6 ha il sensore da 13 megapixel con zoom ottico 2X che viene impiegata anche per gli scatti con effetto bokeh; manca la stabilizzazione, però c’è il flash LED dual tone. Sopra le fotocamere c’è il secondo microfono (nelle specifiche ne è indicato anche un terzo impiegato per aumentare la spazialità all’audio delle registrazioni video) mentre poco sotto trova posto il lettore per le impronte digitali.

La batteria ai polimeri di litio è di tipo non rimovibile ed ha una capacità di 3.800 mAh, che secondo le indicazioni del costruttore, grazie all’ottimizzazione del processore, promette due giorni di autonomia. Nella confezione ci sono gli auricolari con microfono forniti di gommini adattatori, il caricabatterie Quick Charge con uscita 5V/3A, 9V/2A e 12V/1,5A, il cavetto USB Type-C, la clip metallica per l’apertura del vano porta SIM e la guida rapida. In quella dell’apparecchio che ci è stato inviato, abbiamo trovato anche una pratica cover in silicone trasparente, che però viene inclusa soltanto in alcuni mercati.

Il vantaggio della versione “stock” di Android è la possibilità di personalizzare la propria esperienza utente con le app che si preferiscono.

Amico dell’audio ad alta risoluzione

Ho utilizzato il Nokia 7 plus per un tempo che ritengo adeguato a sviscerarne i punti di forza e di debolezza. Le finiture sono eleganti e di buona qualità, così come i materiali, anche se a un primo approccio il dorso appare “plasticoso” e si ingrassa facilmente con le impronte, però, grazie al trattamento di verniciatura cui è sottoposto, non scivola quando viene poggiato su una superficie liscia come invece accade ad alcuni dispositivi della concorrenza che sembrano più simili a una saponetta bagnata. L’apparecchio non è impermeabile.

Il lettore di impronte digitali è molto rapido e piuttosto preciso, si può configurare la gesture per aprire e chiudere la barra delle notifiche. L’impiego di uno schermo di dimensioni importanti – quali i 6” di questo smartphone – determina qualche difficoltà di utilizzo per chi ha le mani piccole. Il display IPS Full HD+ è molto luminoso, dalle impostazioni è possibile configurare l’adattamento della luminosità in funzione dell’illuminazione ambientale: si vede molto bene anche in piena luce, gli angoli di visione sono piuttosto ampi e la resa cromatica è brillante. Lo Snapdragon 660 con i 4 GB di RAM assicura una buona fluidità dell’interfaccia utente e permette di gestire senza patemi un gran numero di applicazioni aperte contemporaneamente, sebbene raramente abbia rilevato dei rallentamenti; un po’ sottotono la memoria flash, non particolarmente veloce, come emerso dal benchmark che ho eseguito con l’app Androbench.

Peccato per l’adozione di una memoria flash non particolarmente performante.

Più che discreto il benchmark del sistema, nonostante un processore grafico non proprio al top.

La qualità della sezione telefonica è di alto livello come storicamente per Nokia sia nelle chiamate – davvero eccellenti -, sia nella navigazione 4G, che ha riportato valori di trasferimento di quasi 85 Mbps in download e poco meno di 27 Mbps in upload. La connettività ad access point Wi-Fi 802.11 ac consente la navigazione nella rete locale ad una velocità ragguardevole, ben 433 Mbps. Per quanto riguarda il Bluetooth 5.0, è filato tutto liscio col sistema vivavoce in auto, mentre ho avuto qualche problema con quello non proprio recentissimo che utilizzo nel casco per lo scooter: impossibile rispondere a una chiamata in arrivo premendo gli usuali tasti posti sulla calotta del casco, oppure tentando la risposta col tasto virtuale sul telefono l’audio Bluetooth veniva disattivato. Il sensore GPS è rapidissimo, appena una manciata di secondi impiegati per il fix con i satelliti.

La visualizzazione notifiche nella schermata di blocco non fa rimpiangere eccessivamente la mancanza di un LED; questa funzione va abilitata come quella di mostrare le notifiche quando si solleva il telefono. Entrambe fanno parte delle pochissime personalizzazioni rispetto alla versione “stock” di Android 8.1.0 Oreo, tra le quali l’app Supporto, che offre la visualizzazione del manuale d’uso, la verifica della garanzia, l’accesso a una chat di supporto, la mappa dei centri di assistenza e la consultazione dei forum Nokia.

Anche l’app Fotocamera fa parte delle personalizzazioni poiché l’interfaccia dei controlli manuali nella modalità Pro, che si attiva con uno swipe verso l’alto sul bottone di scatto, ricalca parzialmente quella presente negli apparecchi della serie Lumia; ci sono diverse modalità di ripresa, tra le quali l’effetto bokeh, che funziona piuttosto bene e tramite l’editing delle foto permette la correzione dell’inquadratura. Inoltre, ci sono le funzioni Dual, che integra la ripresa della fotocamera posteriore con l’immagine acquisita da quella frontale, e PIP, che sovrappone un piccolo riquadro con la ripresa dalla fotocamera frontale. La fotocamera frontale può utilizzare lo schermo come flash. Buona la qualità degli scatti, anche quelli con poca illuminazione, nonostante un certo livello di rumore e una leggera dominante gialla che ho rilevato in alcuni casi, in particolare nelle foto col flash. Le riprese video in 4K soffrono parecchio la mancanza dello stabilizzatore, in misura minore quelle in Full HD; l’interfaccia utente offre i link per realizzare live streaming con YouTube e Facebook. La mia scaletta di tracce audio e video di test mi viene in aiuto per verificare quali contenuti multimediali si possono ascoltare e vedere col Nokia 7 plus.

La navigazione mobile ha delle prestazioni ottime in 4G LTE.

L’equalizzatore, che si trova nelle impostazioni di Play Musica, permette la configurazione di diverse correzioni del segnale in uscita.

Con l’app Supporto si accede a tutte le informazioni di cui si ha bisogno per utilizzare il dispositivo.

La lieta sorpresa arriva con l’audio ad alta risoluzione, pur convertite in PCM 44/16, le tracce WAV (fino a 192/32), FLAC (fino a 192/24), AIFF (fino a 192/24), DXD (fino a 384/24) e DSD (fino a 256, DSF o DFF che siano) sono riprodotte da Google Play Musica, che di contro non apre i file codificati ALAC. Tutto regolare con i formati compressi come MP3, AAC, OGG Vorbis e WMA. Per quanto riguarda i video, il player integrato riproduce file codificati MPEG-2, AVC, VC-1 e MPEG-4 Visual in contenitori M2TS, AVI, MKV, WMV e MP4, ma senza audio se questo è in AC-3 o DTS; in caso tutto questo non sia sufficiente, si può installare l’app MX Player e scaricare i suoi codec. Il visualizzatore di immagini insito nell’app Foto apre i formati JPG, GIF, PNG e MPO (3D). Tra le funzioni di sicurezza aggiuntive, nelle impostazioni di Android Oreo 8.1, sotto Sicurezza e Posizione/Smart Lock si può abilitare lo sblocco col viso, che però non funziona. Rispetto alla batteria, ho riscontrato che con un utilizzo intenso si può arrivare a una giornata e mezzo di autonomia.

Conclusioni

Il Nokia 7 plus è un prodotto ben realizzato, che mette la qualità nelle comunicazioni mobili, la semplicità e l’autonomia d’uso al primo posto; tutte le altre componenti sono di ottimo livello e il comparto multimediale offre molte possibilità di utilizzo. L’adozione del programma “Android One” assicura un prolungamento del ciclo di vita del dispositivo a fronte di un prezzo che non stento a definire più che accessibile. L’assenza del “Face Unlock” e la lentezza della memoria flash integrata costituiscono le uniche note un poco stonate del pacchetto.

Marco Meta


Ci è piaciuto:

  • Qualità voce/connettività mobile
  • Fotocamere
  • Durata batteria

Non ci è piaciuto:

  • Face Unlock non funziona

Carta d’identità

  • Marca: NOKIA
  • Modello: 7 plus (TA-1046)
  • Tipo: Smartphone Android Dual SIM Dual Standby
  • Dimensioni: 158,38×75,64×9,55 mm
  • Peso: 185 g
  • Sistema Operativo: Android 8.1.0 (Oreo)
  • Frequenze di lavoro: 2G 850/900/1800/1900 MHz – 3G 850/900/1900/2100MHz – 4G LTE FDD: B1/B3/B5/B7/B8/B20/B28 – 4G LTE TDD: B38/B40/B41
  • Traffico Dati: GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA/HSUPA/HSPA+/LTE
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, Bluetooth 5.0 A2DP/LE, NFC, micro-USB Type-C 2.0
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 660 – 64 bit – octa-core (4×1.8 GHz + 4×2.2 GHz) + GPU Adreno 512
  • RAM: 4 GB. Memoria interna: 64 GB (disponibile 50,49 GB)
  • Espansione memoria: microSD fino a 256 GB
  • Display: IPS multitouch capacitivo 18:9 da 6” Full HD+ con risoluzione 2160×1080 pixel (403 dpi)
  • Lettore impronte digitali: posteriore
  • Batteria: 3.800 mAh
  • Fotocamera principale: 12 Megapixel (4032 x 3024) + 13 megapixel con autofocus PDAF; flash LED dual tone
  • Fotocamera anteriore: 16 Megapixel (4608 x 3456)

 

Distributore per l’Italia: HAPPY CAR – Via Ischia I, 278/A – 63066 Grottammare (AP) – Tel. 0735591249 – Fax 0735576211

Prezzo: € 399,00

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment