JBL Charge 2

Giovane, portatile, potente e versatile…

JBL-Charge-2

JBL Charge 2 è l’evoluzione del JBL Charge. Questa nuova versione oltre ai due altoparlanti ha anche due radiatori passivi per una maggior profondità dei bassi, cosa su cui, alcuni di questi speaker portatili sono solitamente un po’ carenti. Il nuovo JBL ha effettivamente un suono deciso e potente che, data la tipologia di prodotto, riesce ad avere una buona resa senza una evidente distorsione quando si alza il livello di riproduzione. Pratico e maneggevole… sul sito americano c’è una una simpatica foto del JBL inserito nell’apposito supporto da bicicletta per le bottiglie, non l’ho provato personalmente ma l’idea mi sembra interessante.

Il nome “Charge” mette in evidenza una caratteristica non comune in questi speaker portatili: offre la possibilità di poter connettere, tramite cavo, il proprio cellulare per poterlo ricaricare! Sicuramente utile e da non sottovalutare.

Descrizione ed uso

Sul retro, in basso abbiamo tre porte a disposizione. Una mini USB che viene utilizzata esclusivamente per ricaricare l’apparecchio con l’alimentatore e il cavo fornito a corredo. La centrale permette il collegamento diretto, tramite mini jack 3,5 mm, al computer, tablet o telefono per inviare musica al Charge 2. La terza è una classica porta USB permette la carica di tablet e/o smartphone. La porta USB permette esclusivamente la carica del telefono/tablet ma non l’invio di dati (che avviene esclusivamente tramite il mini jack). Possiamo comunque mettere in carica il nostro smartphone e utilizzare il bluetooth per inviare la nostra musica al JBL. Ovviamente non siamo vincolati all’utilizzo di un cavo per sentire la nostra musica e molto più semplicemente possiamo utilizzare la connessione Bluetooth così sia il computer, lo smartphone o il tablet fornito di bluetooth ci permetterà di inviare musica al Charge 2, anche sé durante la prova di ascolto le due tipologie di collegamento hanno fatto sentire la differenza. Il bluetooth ha la precedenza sul collegamento via cavo. Quindi se decidiamo di collegare il JBL direttamente al computer ricordiamoci di disattivare il bluetooth.

JBL-charge-2-connessioni

Come molti di questi dispositivi portatili anche il JBL Charge 2 può essere utilizzato come vivavoce per il telefono.

Sulla parte superiore del dispositivo abbiamo diversi pulsanti. Partendo da sinistra possiamo vedere il tasto di accensione e a fianco il tasto per l’attivazione del bluetooth. Il tasto del bluetooth è necessario attivarlo solo per il primo collegamento, per accoppiare il telefono con l’altoparlante, successivamente basterà scegliere Charge 2 dallo smartphone e automaticamente si attiverà la connessione. Seguono 5 LED bianchi con i tasti + e – per il controllo del volume direttamente dall’apparecchio (il volume può essere comandato anche tramite smartphone e/o computer). A seguire altri due tasti, il primo (3 birilli, o 3 omini, fate voi) permette la connessione di più dispositivi, 3 al massimo. Tutti e 3 possono inviare la loro musica all’altoparlante assumendone il controllo tramite il tasto play del proprio telefono.

L’ultimo tasto è per attivare/disattivare la funzione di vivavoce e a fianco ad esso vediamo un piccolo forellino che corrisponde al microfono.

JBL-Charge-2-comandi

Ascolto

Nell’utilizzo con il computer (parliamo di un Mac portatile utilizzato con il software iTunes) tramite l’ingresso linea consiglio di lavorare un po’ con l’equalizzazione. Il programma iTunes ha alcuni settaggi predefiniti tra cui uno dedicato ad altoparlanti piccoli e che tende a pompare molto i bassi e il Charge 2 non ne ha assolutamente bisogno, è invece preferibile scegliere il set “Amplificazione alti” per riequilibrare il tutto e rendere più godibile l’ascolto. Qui stiamo parlando di un ascolto effettuato in una camera, un ambiente ridotto quindi. Provato con il disco test EMMA il JBL ha avuto una risposta migliore con il collegamento via cavo rispetto al Bluetooth. Sono piccole sfumature che vanno comunque menzionate. Il timbro è comunque buono, buon dettaglio e bassi potenti.

jbl-charge-2-passivo

 

JBL Charge 2
Altoparlante portatile wireless stereo

Costruttore: JBL, 400, Atlantic Street, 15th Floor, Stamford, CT 06901, USA
Distributore per l’Italia: JVCKenwood Italia SpA, Via G. Sirtori 4, 20129 Milano. Tel. 02 204821 – www.kenwood.it

Caratteristiche dichiarate:

  • Altoparlanti: 2×45 W.
  • Potenza: 2×7,5 W
  • Risposta in frequenza: 75 Hz – 20 kHz.
  • Rapporto segnale rumore: >80 dB.
  • Bluetooth: 3.0.
  • Ingressi: mini jack 3,5 mm e USB 2.0.
  • Finitura: 5 colori disponibili, blu, rosso, bianco, nero e viola.
  • Tempo di carica della batteria: 4 ore.
  • Durata batteria: >12 ore.
  • Dimensioni: dia. 79X185,25 mm.
  • Peso 540 g.

Author: redazione

Share This Post On

7 Comments

  1. Buon giorno , ho appena acquistato il prodotto vorrei sapere se si può collegare anche alla televisione grazie

    Post a Reply
    • Buongiorno, se il suo televisore ha un uscita cuffia o il bluetooth lo può collegare.

      Post a Reply
  2. buongiorno, volevo sapere se si possono collegare fra loro due dispositivi jbl tramite bluetooth

    Post a Reply
    • Buongiorno Raniero,
      mi dispiace ma al momento non sembra che jbl offra questa possibilità.

      Post a Reply
  3. Buongiorno, ho un Jbl Charge prima versione e tenendo il tasto accensione premuto a fine di renderlo visibile con altri dispositivi, non si setta sulla modalità pairing ma lampeggia solo blu (anziché bianco e blu alternato)
    Talvolta accendendolo si collega autonomamente con un iPhone già accoppiato come se fosse l’apparecchio prevalente. Se spengo il Bluetooth dell’iPhone, comunque non si rende disponibile ad accoppiarsi con altri dispositivi.
    Cosa posso fare secondo voi? È un difetto già riscontrato in questo modello?
    Grazie

    Post a Reply
    • Buongiorno Emilio,
      purtroppo la nostra redazione ha provato i modelli dal 2 in poi dove il tasto di accensione è separato dal tasto per l’accoppiamento del Bluetooth, e con questi dispositivi non abbiamo mai riscontrato comportamenti anomali.
      Se non l’hai già fatto puoi provare a chiedere delucidazioni sul sito JBL: http://www.jbl.com/contactus

      Post a Reply
  4. Salve, io ho da pochi giorni preso il Charge 3. Lo trovo molto valido (potenza, bassi, assenza di distorsione), ma ho la sensazione che il suono sia poco nitido, un po’ ovattato per intenderci. Ho provato a resettarlo, ma non è cambiato gran che. Avete suggerimenti da dare?

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *