Denon HEOS1 HS2

La piattaforma Denon HEOS è stata insignita del premio EISA come sistema multiroom dell’anno 2015-2016, titolo del quale quindi anche il piccolo HEOS1 si può a buon diritto fregiare.

Il sistema multiroom della Denon, l’HEOS (Home Entertainment Operating System), è relativamente giovane, essendo stato presentato nel 2014. Ma la casa ha saputo cogliere quanto di meglio fatto dalla concorrenza, rispetto alla quale offre funzionalità simili, riuscendo però a dare ad alcuni prodotti anche una marcia in più. L’ecosistema Denon è composto da quattro diffusori, un subwoofer, una soundbar e un sistema 2.1 (soundbar + sub). Troviamo poi gli accessori necessari per integrare il sistema HEOS coi componenti che ne sono sprovvisti.

C’è poi un altro prodotto, al momento unico nel suo genere, l’AVR: un amplificatore 5.1 in grado di utilizzare il sub e gli speaker HEOS rispettivamente per il canale LFE e i canali posteriori. È una soluzione concettualmente semplice ma che fino ad ora non aveva visto applicazioni concrete. Importanti nell’ottica dell’integrazione con altri apparecchi sono l’Amp ed il Link. Il primo è un amplificatore stereo per utilizzare diffusori passivi come canali posteriori e/o come ambiente aggiuntivo; il Link fa la stessa cosa ma senza uscita amplificata. Sono questi, assieme all’AVR, i prodotti con la marcia in più a cui accennavo poc’anzi. Per il resto gli altoparlanti HEOS sono in grado di farci respirare tutta l’aria musicale che vogliamo: “play any song, in any room” è lo slogan.

Tramite l’app (iOs, Android e Kindle) possiamo attingere ai servizi di streaming (Spotify, Deezer Napster, Tidal e altri) e ai contenuti presenti nella nostra rete locale. Immediata anche la gestione tramite Windows Media Player. La sigla HS2 distingue l’ultima versione degli Speaker HEOS, che si differenziano rispetto alla serie d’esordio per la presenza della connettività Bluetooth e per un più ampio supporto ai file a risoluzione più elevata.

L’HEOS1

Attraverso la base si aggancia la batteria opzionale Go Pack, che svincola l’uso dell’HEOS1 dalla presenza di una presa di rete. Nella fascia in gomma sulla quale appoggia lo speaker è inglobato il LED di stato.

L’HEOS1 è il più piccolo dei 4 sistemi attualmente in catalogo. Ha un design molto accattivante, caratterizzato dalla pianta esagonale con tre lati più lunghi e tre più corti, ma con la base superiore “sfalsata” rispetto a quella inferiore, in modo che le sei facce risultano essere trapezoidali. Credo che la foto valga più di ogni mio tentativo di descrivere l’oggetto a parole.

Molto piacevole alla vista la griglia metallica che protegge gli altoparlanti. L’HEOS1 è un sistema a due vie (le specifiche dei driver non sono dichiarate), biamplificato in classe D; una coppia può naturalmente essere configurata in stereo. L’alimentazione non è diretta alla rete ma passa attraverso un piccolo alimentatore esterno. È opzionalmente disponibile una batteria (Go Pack) ricaricabile che si innesta alla base del diffusore. La casa specifica che l’unità è adatta all’utilizzo in ambienti umidi, quali potrebbero essere la cucina o il bagno.

L’HEOS1 potrebbe quindi essere una soluzione ottimale per sonorizzare anche queste stanze un po’ più “ostili” nei confronti delle membrane e delle elettroniche. Molto utile anche la presenza di una porta USB sul retro: una volta inserita la chiavetta con la nostra musica ne avremo pieno controllo attraverso la app e potremo riprodurne i contenuti sui diffusori connessi in maniera indipendente. La dotazione comprende anche un cavo ethernet ed uno mini-jack. Il diffusore ha infatti anche un ingresso linea, che può essere utilizzato, in alternativa alla rete cablata, per la prima connessione/configurazione che non può essere fatta in wireless. Per la finitura si può scegliere tra bianco e nero.

Sul retro, ove è collocata la boccola per l’aggancio ad un sistema di fissaggio, è presente una porta USB. Una volta inserita una chiavetta, è possibile riprodurre i file in maniera indipendente su tutti gli altoparlanti HEOS connessi. L’alimentazione non è diretta alla 220 ma passa attraverso un piccolo alimentatore.

La prova sul campo

Del trio in prova le HEOS1 si collocano, con riferimento alle dimensioni del cabinet, in posizione intermedia. La resa sonora in termini quantitativi è percepibilmente superiore alle Yamaha, pur non essendo molto più grandi, e hanno sonorizzato la nostra sala senza alcun affanno, potendo tranquillamente essere scambiate per un sistema di maggiore volumetria.

Anche in questo caso la qualità è molto buona, la risposta è estesa come si ci aspetta da un “vero” diffusore, seppur logicamente priva dell’impatto viscerale all’estremo inferiore che solo driver oltre i 16 cm possono garantire. La gamma bassa e medio-bassa, che come detto è ben presente, a tratti manifesta qualche insistenza (non voglio usare il termine “risonanza” perché potrebbe dare eccessiva rilevanza a quello che nella sostanza non è un difetto marcato).

La schermata di accesso ai contenuti: oltre ai servizi di streaming e ai server di rete, la app consente di condividere anche i file di una chiavetta USB inserita in uno qualunque degli speaker.

Ad ogni diffusore è possibile associare un nome per meglio identificarlo; quelli proposti di default sono comunque modificabili. L’icona associata è di volta in volta la copertina del brano in riproduzione.

I diffusori possono essere associati in modo da indirizzarvi simultaneamente lo stesso contenuto; tramite la app si può effettuare l’abbinamento di due speaker in modalità stereo.

La gamma media appare leggermente avanzata, dando una personalità più marcata alla timbrica di questo sistema (anche qui il termine “colorazione” sarebbe troppo e darebbe un’idea sbagliata) che pure sorprende per la chiarezza espressiva, presenza di dettaglio e al contempo per l’assenza di asperità vocali. La app è piacevole da usare e permette di fare con semplicità tutto quello che serve, anche l’abbinamento in stereo di una coppia di speaker.

Mario Mollo


Denon HEOS1 HS2

Altoparlante wireless

  • Distributore per l’Italia: Audiogamma, Via Pietro Calvi 16, 20129 Milano. Tel. 02 55181610 – www.audiogamma.it
  • Prezzo: euro 249,00 cad.
Caratteristiche dichiarate dal costruttore
  • Connettività wireless: Wi-Fi (802.11 a/b/g/n/ac), Bluetooth.
  • Formati audio: MP3/AAC, (fino a 320 kbps), WAV (fino a 192 kbps), WMA/FLAC/ALAC (fino a 192 kHz/24 bit).
  • Dimensioni (LxAxP): 129x189x 128 mm.
  • Peso: 1,4 kg

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *