Samsung 4K Micro-LED 146″ e QLED 8K

Presentati al CES 2018

Confermando una delle indiscrezioni più allettanti della vigilia, Samsung ha mostrato a CES 2018 il prototipo “The Wall”, un TV 4K da ben 146” e 2000 cd/m2 con tecnologia Micro-LED. A differenza dei TV comunemente definiti LED, in cui i diodi luminosi vengono impiegati in realtà come unità di retro-illuminazione e i pixel sono costituiti da LCD e filtri colore, in questa tipologia ogni punto è costituito da unità LED RGB miniaturizzate. Si tratta quindi di schermi elettro-emissivi al pari degli OLED, caratterizzati di conseguenza da un rapporto di contrasto praticamente infinito.

Ma questa tecnologia presenta in più numerosi vantaggi: aumenta il gamut colore, il degrado degli emettitori è molto più lento essendo assenti materiali organici, scompaiono i rischi di ritenzione e l’elevatissima efficienza consente in teoria una potenza luminosa superiore ai 10.000 NIT.

Un altra peculiarità del display Samsung è quella di essere modulare: è infatti suddiviso in varie “mattonelle”, pur essendo invisibile qualsiasi indizio di discontinuità. Al momento i limiti dei Micro-LED sono rappresentati dai costi elevati e l’incapacità di ottenere dimensioni comparabili a quelle del settore consumer. L’anteprima di Samsung riveste comunque un valore non puramente simbolico, ma al contrario rappresenta probabilmente il primo passo verso i display di prossima generazione. Tra 12 mesi sarà infatti possibile produrre mattonelle Micro-LED con pixel pitch di soli 0,25mm, che potrebbero comporre ad esempio un pannello 8K da 85″.

Un altro riscontro importante si è avuto con il ritorno sull’attuale serie ammiraglia QLED alla retroilluminazione Full Array Local Dimming, scartata nel 2017 a favore di quella Edge LED. Sempre poco prima di Las Vegas è emerso infatti che Samsung ha depositato presso l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale, le sigle Direct Full Array Elite e Q Contrast Elite.

Il ritorno al controllo locale a zone comporterà per i QLED 2018 una migliore uniformità nel contrasto, così come un volume colore più esteso verso le basse luci.

L’anteprima del CES non ha mostrato nel dettaglio l’intera linea 2018, ma solo il top di gamma Q9S. Si tratta di un 8K disponibile nei tagli da 75″ e 88″, che integra un sistema suddiviso addirittura in 10.000 zone. L’effetto è quello di rendere gli “aloni” attorno alle aree ad alta luminosità su fondo nero praticamente invisibili. Non meno impressionante è il picco di luminosità di ben 4000 NIT, che consente in pratica di visualizzare contenuti HDR senza ricorrere ad alcun procedimento di tone mapping.

Altro aspetto di grande rilievo è la tecnologia A.I impiegata per l’interfaccia IoT così come per migliorare l’upscaling 8K. Nonostante non sia ancora chiaro se i nuovi QLED saranno forniti di connessioni HDMI 2.1, è stata annunciata l’implementazione di due funzioni del nuovo standard: il frame rate variabile per il gaming VRR e il canale eARC, che permette di gestire anche formati 3D come il Dolby Atmos.

 

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment