REL 212 SE

Il subwoofer estremo

REL ci propone il suo 212 SE, subwoofer ad alte prestazioni progettato per diventare il riferimento in gamma bassa per sistemi HT ad altissimo tasso di emozioni. REL cambia quello che il fattore forma tradizionale per il subwoofer, ovvero il cubo, per proporre un mobile che sviluppa in altezza: qui dentro c’è tanta roba e questa è un’esigenza pratica ancora prima di essere una caratterizzazione estetica e stilistica.

Abbiamo, infatti, ben quattro woofer da 300 mm, due dei quali attivi e gli atri due passivi: i primi due sono collocati sul pannello anteriore del box, i passivi sul pannello inferiore e posteriore ad interagire direttamente con l’ambiente. Sono altoparlanti della serie S, modificati per essere utilizzati in questa configurazione, con il cono completamente rinnovato in lega di alluminio proprietaria Cast, a lunga escursione e con polo centrale ventilato, più leggera e rigida.

rel-212se_01Secondo i progettisti di REL questa soluzione equivale ad avere un woofer da 44 cm ma con un box dalla larghezza sostanzialmente contenuta. Alle loro spalle una sezione di potenza in Classe D di tipo NextGen3 con una potenza nominale di 1000 watt e 1700 di picco grazie alla quale è possibile raggiungere una pressione sonora in ambiente di 110 dB, sufficiente per sonorizzare ambienti anche molto grandi.

REL propone come ideale partner del suo 212 SE il sistema LongBow grazie al quale collegare il subwoofer in modalità wireless. Un collegamento in modalità senza compressione che può assicurare una qualità elevata, superiore al Wi-Fi e al Bluetooth.

LongBow è in grado di inviare sia il segnale ad alto livello che il canale .1 di un sistema home theater. Risposta in frequenza 21 Hz -6 dB; connessioni alto livello Neutrik, basso livello e LFE; guadagno 80 dB; potenza 1000 watt (1700 di picco); controllo fase 0-180 gradi. Dimensioni: 43x81x50 per 55 chili. Prezzi di listino: LongBow 399 euro; 212 SE 4250 euro.

Distribuito in Italia da: Audiogamma

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *