Panasonic Lumix G9

Fotocamera Micro 4/3 4K/60p

La fotocamera mirrorless Panasonic Lumix G9 è una Micro 4/3 con processore Venus Engine di nuova generazione. Si basa su un sensore Digital Live MOS senza filtro p.a. da 20,3MP con rivestimento antiriflesso. La modalità Alta Risoluzione, consente foto JPEG/RAW equivalenti a 80MP. In questa funzione vengono catturate 8 immagini alla volta, fondendole in una foto da 10368 x 7776 punti. Il video viene ripreso in 4K Ultra HD 60/50 fps in 4:2:0/8 bit.

Il sistema di stabilizzazione Dual I.S. 2 combina il B.I.S. (Body Image Stabilizer) a cinque assi del corpo macchina con quello ottico a 2 assi. Un nuovo algoritmo è in grado di calcolare con precisione velocità angolare e vettore di movimento delle vibrazioni. La compensazione degli scatti fino a 6,5 F–stop consente tempi di otturazione più lenti e rende possibile ad esempio l’uso a mano libera di un teleobiettivo da 800 mm. Il Dual I.S. 2 a 5 assi è attivo in modalità foto come per le riprese video, 4K incluso.

Il sistema AF Depth From Defocus consente un ritardo nello scatto di 0,04 sec. La ripresa continua con otturatore elettronico arriva a 20/60 fps (AFC/AFS) a piena risoluzione. Le aree di messa a fuoco sono state incrementate da 49 a 225, spostabili o ridimensionabili a piacere. Tutte le operazioni di messa a fuoco sono gestibili tramite il nuovo joystick.

La funzione 6K Photo in modalità scatto continuo estrapola il fotogramma migliore dal file burst in 6K/30p (con A/R 4:3/3:2). Una modalità 4K Photo ottimizzata consente di acquisire a 60 fps/8MP. Per queste funzioni sono disponibili tre modalità di scatto: 6K/4K burst, 6K/4K burst (start/stop) e 6K/4K pre-burst.

Il nuovo sensore MOS riduce la distorsione da rolling shutter, mentre il Venus Engine corregge la distorsione, riduce il rumore in riproduzione o nell’estrapolazione dal file burst 6K/4K in fase di post produzione, integrando le informazioni di diversi fotogrammi consecutivi. Migliorano quindi i panning e gli scatti con velocità di otturatore o sensibilità elevate. È stato così possibile integrare la tecnologia Deep Learning per il riconoscimento del corpo umano, in aggiunta a quello facciale.

Il più grande LVF di categoria, con zoom di circa 1,66x / 0,83x, è modulabile sui valori 0,7x/0,77x/0,83x. Il display OLED da 3,68MP ha un campo visivo del 100%, scansione a 120 fps e latenza di 5 msec. Una lieve retroilluminazione in modalità notturna permette di utilizzare a lungo il monitor anche con bassa luminosità. L’innovativa funzione AF Point Scope ingrandisce i soggetti lontani con una messa a fuoco impeccabile. Il Night Mode è disponibile anche per il display LCD da 3″.

Il telaio in magnesio tropicalizzato resiste a temperature fino a -10 °C. La fotocamera dispone di 2 slot per SD UHS-II ad alta capacità. Non mancano i moduli Bluetooth e Wi-Fi dual band.

Lumix G9 verrà commercializzata anche nella versione DC-G9L con obiettivo 12-60mm Leica F2.8, a partire da gennaio 2018. I prezzi suggeriti sono di 1699€ e 2299€.

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *